Recent Posts

OLIMPIA DA SBALLO, PALADEIANA ESPUGNATO

Un’Olimpia perfetta nelle sue imperfezioni, questo dovrebbe essere il sottotitolo al racconto del derby di ieri pomeriggio che ha chiuso il girone d’andata. Perché quando si gioca bene, quando tutto gira a meraviglia è facile chiudere le partite in tranquillità, come ad esempio nell’ultimo match casalingo contro Malnate. Il difficile viene nel momento in cui si ha di fronte una squadra che in casa aveva perso una sola partita, ben messa in campo e che è riuscita a mettere a nudo alcune nostre lacune.

Questo è successo nel derby contro Olbia, che al contrario di quanto potrebbe suggerire il risultato è stata una partita combattuta dove l’Olimpia si è trovata ad inseguire per larga parte del match, ma nei momenti decisivi si è ricompattata, cambiando improvvisamente ritmo e mettendo alle corde gli avversari biancorossi.

Coach Longu opta per la formazione con Genna – Muccione di banda, diagonale Muccione – Dalmonte, al centro Granara preferito per far coppia con Usai e Mocci libero.

Inizio di contesa drammatico per i nostri ragazzi, che probabilmente dovevano ancora scrollarsi di dosso tensione e stanchezza per il lungo viaggio: pronti, via e l’Olbia subito conduce per 10 – 3. Una partenza così avrebbe abbattuto qualsiasi squadra, ma non la nostra che prontamente si rimette in carreggiata e punto su punto recupera tutto lo svantaggio andando ad impattare sul 15 pari. Da qual momento, con l’inerzia del parziale a nostro favore, è un gioco da ragazzi chiudere il set sul 19 - 25.

Secondo set più equilibrato ma che fin dall’inizio vede l’Olimpia rincorrere la squadra di coach Schettino. Piano piano sembra che il parziale stia scivolando nelle mani della formazione di casa, con il punteggio di 23 – 21. Da lì un moto d’orgoglio ci vede prima mettere giù il cambio palla con Dalmonte (ottima prova la sua con il 60% in attacco), e poi usufruire di un errore di Trova per pareggiare. L’occasione per il set point ci arriva grazie ad un altro grande attacco del nostro opposto, che capitalizza al meglio una difesa incredibile di Mocci. Arriva quindi capitan Genna, al servizio in quel momento, che non ci pensa due volte e fa partire una gran battuta che lascia di pietra la linea di ricezione avversaria e porta l’Olimpia in vantaggio di due set a zero.

Terzo parziale che finalmente vede i nostri ragazzi ingranare fin da subito, concentrati e decisi a chiudere la contesa il prima possibile. Ora il nostro gioco è più concreto e fluido, con un cambio palla che finalmente non trova più intoppi e permette all’Olimpia di condurre il set fin dall’inizio (5 - 8). Nel finale per i nostri è facile domare gli sterili tentativi di rimonta dell’Olbia e chiudere parziale e match (25 – 21).

Nel complesso una partita che ci ha visto molto deficitari in ricezione (appena il 53% di positività) ma che grazie ad una buona efficienza in attacco (solo 5 errori), e ad una gran giornata in battuta (6 ace e solo 6 errori) ci ha permesso di domare un Olbia che come preventivato si è affidata quasi completamente alle sue due bocche di fuoco principali, Trova e Derosas, trovando però risposte positive solo da quest’ultimo.

Pallavolo Olbia: Derosas 17, Trova 12, Marcetti 11, Maiorca 6, Notarstefano 2, Leone, Marchetti (L1), Vanozzi C., Manecchia, Vanozzi M. N.E.: Branca, Masu.

All: Andrea Schettino

VBA Olimpia Sant’Antioco: Dalmonte 22, Genna9, Usai 6, Muccione N. 6, Granara 3, Muccione R. 3, Mocci (L1), Crusca 1 N.E.: Meleddu, Puggioni.

All: Graziano Longu

Ufficio stampa VBA Olimpia Sant’Antioco

1 visualizzazione
Featured Posts
Recent Posts
Search By Tags
Follow Us
  • Instagram
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic